Biografia

LE FOTO FERMANO IL TEMPO E FANNO RIAFFIORARE I RICORDI  (Walter Benjamin)

 
 

Nel marzo del 2006 si trova in Serbia per conto di “PAYASOS SIN FRONTERAS” (associazione internazionale di volontari) a documentare con foto e video, l'attività dei burattinai e giocolieri che intrattengono con spettacoli e laboratori i bambini della città di ČAČAK (la più bombardata durante la guerra), i bambini dell'orfanotrofio di BANIJAKOVILIČA,  l'associazione VELIKI MALI di Pancevo (disabili),   la scuola per sordomuti e un orfanotrofio di Belgrado , i bambini e genitori del campo profughi di Zemun, alloggiando nel campo e condividendo la vita dei rifugiati.


Per conto di ASSOPACE e in collaborazione con la Provincia di Gorizia, nel dicembre del 2006 partecipa alla spedizione che nella città di MITROVICA (Kòsovo) vede impegnati: Pierpaolo Di Giusto, Santosh Dolimano, Salvador Puce, in attività con i bambini, per favorire l'integrazione delle diverse etnie che là vivono: Campo ROM di Osterode, scuola multietnica di Mikronaseljie, enclave serba di Gojbulije, scuola serba di Mitrovica sud.


Realizza la mostra fotografica "MITROVICA UNA CITTA' CHE PIANGE" al palazzo della Provincia di Gorizia e a Rimini in occasione della marcia per la pace.

Documenta queste attività anche con un video "MITROVICA UNA CITTA' DIVISA" che viene proiettato a Gorizia, in occasione del convegno. -  Kòsovo: una pace possibile? - e distribuito nelle  scuole della provincia.


Come volontario sta creando un ARCHIVIO FOTOGRAFICO (al Dipartimento di Salute Mentale di Udine) che raccolga tutto il materiale  riguardante i cento anni e più del manicomio di Sant'Osvaldo.


Nel 2009 documenta con un video, il laboratorio di costruzione e drammatizzazione con i burattini, tenuto da ELENA GREGORIS e PIERPAOLO DI GIUSTO  nelle scuole elementari delle province di Gorizia, Pordenone e Udine, nell'ambito del progetto del C.R.E.L.P. “EDUCAZIONE ALLA PACE”.


Ancora oggi continua a fotografare, raccogliendo immagini per l'archivio della sua memoria.

Biografia_files/Biography.pdf
Scarica BiographyBiografia_files/Biography_1.pdf

ALBERTO DI GIUSTO nasce a Udine nel 1944, fin da giovane ha la passione per il cinema e la fotografia.

Non avendo possibilità economiche, a quindici anni acquista una modesta fotocamera di plastica per 2990 lire (la mitica Eura Ferrania formato 6X6) e con essa si diletta a fotografare  familiari ed amici.

Nel 1974 diventa socio del CIRCOLO FOTOGRAFICO FRIULANO, (anno della sua fondazione) assieme all’amico Riccardo Toffoletti è uno dei promotori delle mostre e relative pubblicazioni, che per la prima volta in Italia hanno fatto conoscere le opere fotografiche di SILVIO MARIA BUIATTI (Centro Friulano Arti Plastiche, Udine - 1978),TINA MODOTTI (sala Aiace, palazzo comunale di Udine - 1979), CARLO BEVILACQUA (Galleria d'Arte Moderna, Udine - 1986), ENRICO DEL TORSO e SILVIO MARIA BUIATTI (Galleria d'Arte Moderna, Udine - 1989).

Tra il 1976 ed il 1996, documenta alcuni aspetti dei carnevali della Slavia Friulana (MONTEFOSCA, RODDA, DREZNICA.) alcune di queste foto vengono adoperate per illustrare una tesi di laurea di carattere geologico ed una di indagine antropologica.

Nel 1991 ha curato per l'editore “Campanotto”, nella collana “Zeta Clik”, i libri fotografici: “LONG VEICHLE” di Franco Martelli Rossi e “FOTOGRAFIE 1970 – 1980” di Piero Cattaruzzi.

Frequenta il primo ”Master di Fotografia” all' I.S.E.S. Di Spilimbergo ai corsi di: SEMIOTICA  DELLA FOTOGRAFIA, CENSIMENTO  E  CATALOGO,  TEORIA  DELLA RAPPRESENTAZIONE  ARCHIVIAZIONE  E CONSERVAZIONE.

Nel 1993 realizza, per la messa in onda su Telefriuli, sei puntate sulla fotografia all'interno della rubrica di attualità e cultura DIETRO LE QUINTE.

Partecipa, come uditore, al corso di aggiornamento in storia dell'arte “LA FOTOGRAFIA COME BENE CULTURALE” al centro di catalogazione di Villa Manin a Passariano. (UD)


Nel 1995 coordina e partecipa a una  ricerca di archeologia industriale su una vecchia ferriera udinese, l'esposizione avviene al museo della città in via Zanon a Udine e cura il catalogo SAFAU SEGNALI D'ACCIAIO che viene edito da Arti Grafiche Friulane.

Nel 1997, come volontario, inizia la collaborazione con il “Centro per l'integrazione i diritti e la riabilitazione” (C.I.D.R.) del Dipartimento di Salute Mentale di Udine, tenendo CORSI FORMATIVI  E  LABORATORI  FOTOGRAFICI.

Fotografa il suo amico musicista LINO STRAULINO e alcune immagini vengono scelte per alcuni CD e pubblicate sulla rivista specializzata: WORLD  MUSIC  MAGAZINE.


Nel 1998 coordina l'indagine fotografica sul territorio costiero del Friuli Venezia Giulia, che viene esposta alla Casa della Contadinanza (Udine - piazzale del castello) e cura  il catalogo:

IL CONFINE DEL MARE” edito da Guarnerio Editore.


Nel 2001 realizza la mostra “UOMINI E ALBERI” nell'ambito della Festa d'Estate al parco dell'ex O.P.P. di Sant'Osvaldo a Udine e alcune delle foto vengono scelte per illustrare la guida  al Percorso Botanico del parco stesso.


Nel 2002 e 2003 è responsabile dei servizi fotografici del periodico VIA  BRESCIA  TRE edito dall'Arci.


Durante “Estate in città" del 2003 cura l'esposizione collettiva di fotografia e poesia IL SOGNO E LA MEMORIA     al Museo della città in via Zanon a Udine, a conclusione di un laboratorio tenutosi al CIDR.


Nel 2004 collabora ad una tesi di laurea su: CARLO BEVILACQUA fotografo.

Da sempre documenta l'intensa e appassionata attività di suo fratello PIERPAOLO, burattinaio e cantastorie.


Nel giugno del 2005 fa un servizio fotografico sull'attività della "Carovana della Risata” promossa da suo fratello in Kòsovo, con lo scopo di divertire, con spettacoli e laboratori i bambini di una minoranza etnica colpita dalla guerra (i Gorani),  realizza una mostra fotografica, ed il cortometraggio GORANI UN POPOLO PACIFICO viene proiettato anche in lingua friulana all'interno della rassegna cinematografica "Mostre dal cine Furlàn" e trasmesso con alcune repliche su Telefriuli.


Nel 2006 è docente di STORIA E TECNICA DELLA FOTOGRAFIA in un corso  tenuto all'ENAIP di Pasian di Prato - Udine.


Per i dieci anni delle coperative sociali nella salute mentale, allestisce una mostra storica a Palazzo Antonini (sede dell'UNIVERSITA' di Udine)

ADELAIDE TINA MODOTTI

RICCARDO TOFFOLETTI

FRANCO MARTELLI ROSSI

PIERO CATTARUZZI

CARLO BEVILACQUA

SILVIO MARIA BUIATTI